Demoni dell'Inferno dantesco

Dante nella sua Divina Commedia ci descrive il suo viaggio attraverso Inferno, Purgatorio e Paradiso.

 

Come ci si può aspettare, il poeta descrive gli inferi come un luogo cupo, malvagio, doloroso e dimora di demoni maligni e anime dannate.

Qui propongo la descrizione di alcuni degli “abitanti” del regno del dolore.

Caronte

Le anime condannate alle fiamme eterne devono passare prima sull’antico traghetto del vecchio nocchiero. Egli le trasporta attraverso il fiume Acheronte dove saranno giudicate per i loro peccati.

Diavoli Guardiani

Sono angeli Caduti. Questi soldati scelti dell’Armata infernale vigilano sulle punizioni dei dannati.

Re Minosse

Il tirannico giudice dell’Oltretomba siede all’entrata del secondo cerchio e giudica i peccati dei dannati per poi sentenziarli al  loro eterno supplizio infernale. 

Cerbero

Questo mostro a tre teste è a guardia del terzo cerchio, squarciando e scorticando i peccatori condannati alla sua mercé. Nessun anima può passare senza prima confrontarsi con la bestia.

Malebranche

Un gruppo di diavoli deputati a controllare che i fraudolenti  non escano dalla pece bollente. Sono dotati di uncini con i quali graffiano e squartano tutti coloro che osino affacciarsi. Compaiono 13 diavoli, ciascuno con un proprio nome: Malacoda (il capo della banda) Scarmiglione, Barbariccia, Alichino, Calcabrina, Cagnazzo, Libicocco, Draghignazzo, Ciriatto, Graffiacane, Farfarello, Rubicante.

Minotauro

È il guardiano del Cerchio dei violenti.  Nonostante tenti inizialmente di sbarrare loro la strada, Virgilio riesce a allontanarlo, e allora il Minotauro comincia a divincolarsi qua e là come un toro.

Centauri

Sono custodi-giustizieri dei violenti contro il prossimo, in rapporto diretto con il loro carattere violento avuto in vita.

Arpie

Esse rompono i rami e mangiano le foglie degli alberi al cui interno si trovano le anime dei suicidi, che, in questo modo, provano dolore e hanno dei pertugi attraverso i quali lamentarsi.

Gerione

E' un mostro dal volto di uomo, zampe di leone, corpo diserpente e coda di scorpione, che conduce Dante nelle Malebolge.

Arcidiavoli

Sono l’opposto degli arcangeli e comandano le 666 legioni dell’Inferno.

Vedi anche: La verità su Lucifero

Se ti interessa l'argomento, potresti leggere:

"Il libro segreto di Dante" di Francesco Fioretti

Ultimi due aggiornamenti: