Manzoni e il "vero" utile

“il santo Vero mai non tradir”

Alessandro Manzoni è stato uno dei più importanti letterati della storia italiana. Egli è artefice dei Promessi Sposi, celeberrimo romanzo, adoperato come testo di scuola, ancor prima della morte di Manzoni.


Manzoni nasce a Milano nel 1785. Studia presso i collegi Barnabiti e Somaschi e, quando termina gli studi, inizia a criticare i loro metodi pedagogici, assumendo una mentalità razionalistica. A Milano diventa amico di Ugo Foscolo e, nel 1805, si trasferisce a Parigi dalla madre Giulia Beccaria. In Francia entra a contatto con la corrente Giansenista e, anche se non vi aderisce, alcuni aspetti della dottrina lo affascinano e lo convincono. Manzoni non era cristiano, ma dopo cinque anni di soggiorno in Francia, decide di convertirsi alla fede cattolica, in parte per merito della moglie, in parte grazie al Giansenismo e in parte per altri motivi.

La sua conversione cambia anche lo stile e il metodo di scrittura. Vediamo le differenze del prima e del dopo la conversione:

  • Rimandi mitologici
  • Linguaggio aulico
  • Età classica come modello
  • Concezione classica della letteratura
  • Allegorie
  • Bellezza e arti inciviliscono
  • No al mito, in quanto falso
  • Linguaggio medio, accessibile a tutti
  • Medioevo come modello
  • Letteratura con scopo morale
  • Storia vera come esempio
  • No alla bellezza idealizzata

Se prima i rimandi alla mitologia erano normali per Manzoni, dopo la conversione li rifiuta. Al loro posto userà eventi e personaggi storici. Questa scelta è conforme alla sua visione di letteratura utile, accessibile a tutti: la mitologia era materia delle elite, la storia apparteneva a tutti. Inoltre la mitologia racconta falsità, mentre la storia è appoggiata da documenti certi. Per Manzoni la letteratura deve essere utile, agire sul mondo e trasformarlo: per riformare la società bisognava “illuminare” le menti degli uomini, diffondendo idee vere. La poesia e l’arte devono ispirarsi a concetti morali per poter continuare ad assolvere nella società la funzione di educazione e di elevazione spirituale ed essere utili.

In questi versi (207-215) tratti dal carme “In morte di Carlo Imbonati”, Manzoni parla ed elogia il Vero:

 “Sentir riprese, e meditar: di poco
esser contento: da la meta mai
non torcer gli occhi, conservar la mano 
pura e la mente: de le umane cose
tanto sperimentar, quanto ti basti
per non curarle: non ti far mai servo:
non far tregua coi vili: il santo Vero
mai non tradir: né proferir mai verbo,
che plauda al vizio, o la virtù derida.”

Se ti interessa l'argomento, vedi anche: Poesia

e Foscolo: poesia eternatrice

Ultimi due aggiornamenti: