Aum Shinrikyo

L’Aum Shinrikyo è un’organizzazione religiosa fondata in Giappone da Shoko Asahara nel 1987. È conosciuta anche con il nome di “Aum” o di “Aleph”. La setta vide un calo di popolarità dopo l’attentato nella metropolita di Tokyo nel 1995.

Gli inizi

Shoko Asahara
Shoko Asahara

Shoko Asahara, nato Chizuo Matsumoto, soffriva di problemi alla vista. In Tibet studiò medicina tradizionale e, al suo ritorno in Giappone, fondò l’Aum. Riuscì ad attirare sa subito molti studenti, soprattutto quelli più benestanti. Per questo motivo fu soprannominata “religione d’elite”. Asahara divenne presto un personaggio noto in Giappone, dotato di grande carisma e in grado di attirare a se sempre più discepoli.

Fece vari viaggi, incontrando capi religiosi come il Dalai Lama e attirando l’attenzione, oltre che dei media, anche dei governi vicini, come Sri Lanka, Bhutan e Tibet.


Shoko Asahra si convinse che doveva dimostrare più carisma per attirare più adepti. A tal fine, si servì di un progetto di propaganda che prevedeva sermoni, interviste e insegnamenti della sua dottrina attraverso i manga e gli anime. Riuscì a farsi seguire da circa 9.000 seguaci in Giappone e 40.000 in altri paesi.

L'attentato

Il 20 marzo del 1995, alcuni membri dell’Aum fecero un attentato in alcune delle stazioni più frequentate della metropolita di Tokyo. Cinque criminali si mischiarono tra i pendolari e, dopo aver lasciato alcuni sacchetti contenenti gas nervino sarin nel pavimento dei vagoni o delle stazioni, e dopo averci fatto dei fori, scapparono dalla metropolitana per dirigersi dai complici in automobile.

Molti pendolari persero la vista temporaneamente, svennero, avvertirono irritazioni al naso e agli occhi e 12 persone morirono. Per soccorrere i feriti e trasportarli in ospedale furono impiegate ben trecento ambulanze, mezzi della polizia, dei vigili del fuoco e della protezione civile.

Inizialmente, le indagini portarono a pensare all’opera di terroristi di estrema destra ma poi, grazie alla testimonianza di una ragazza, riuscì ad arrivare all’Aum Shinrikyo. Furono arrestati Shoko Asahara e alcuni suoi collaboratori, decretando la pena di morte per egli stesso e cinque dei suoi.


Il movente dell’attentato resta ancora incerto, dato che Asahara si rifiuta di parlare, ma si pensa che volesse compiere una serie di azioni simili per terminare con un colpo di Stato e salire al potere. L’Aum fu responsabile anche di altri omicidi.

Dopo questo evento, l’Aum Shinrikyo cambiò il nome in Aleph, rimase con soli 1.500 seguaci e fu posto sotto sorveglianza

La dottrina

Asahara fuse gli insegnamenti buddhisti e induisti in una sola religione. La sua divinità principale prende il nome di Shiva, quella che nell’induismo è la divinità della distruzione.


Il nome Aum Shinrikyo significa “Religione di Verità”: per Asahara, la vera religione non deve solo mostrare la via, ma deve anche aiutare a raggiungerla. La religione si rifà a tre scuole buddhiste: Theravada (per se stessi), Mahayana (per il prossimo) e Vajrana (iniziazione a conoscenze segrete).


I sermoni di Asahara si dividono in due tipi: quelli che all’apparenza sono semplici e trattano argomenti comuni sono destinati a tutti i tipi pubblico; quelli più complessi e sofisticati sono per i più colti e dotati di una cultura maggiore.

La setta presenta una gerarchia rigida, divisa in praticanti laici e samana, ovvero i monaci e le monache.

Ultimi due aggiornamenti: