Kemetismo

Oggi l’Egitto è famoso nel mondo per il suo glorioso passato e per la sua mitologia. Una mitologia che ha resistito fino all’avvento di Cristianesimo ed Islam. Tuttavia, ci sono delle persone che hanno ripreso l’antica tradizione religiosa di questo popolo, rielaborandola e creando una nuova religione: il Kemetismo.

 

Il nome significa “Terra Nera” e in passato stava ad indicare l’Egitto, contrapposto alla “Terra Rossa”, il deserto

Fu fondata da Tamara Logan Siuda, appartenente alle streghe Wicca, dopo aver avuto una visione delle divinità egizie.

Nel 1988, fonda a Chicago la “Casa di Netjer”, la chiesa kemetica ortodossa. Nel 1993 viene riconosciuta come istituzione religiosa dallo Stato dell’Illinois e, nel 1999, viene esentata dalle tasse. Nel 1996, Tamara Logan Siuda viene eletta “Nisut”, cioè l’autorità superiore nel Kemetismo.

La parola “Nisut” deriva dal greco, ed era il modo con cui venivano chiamati i faraoni, che oltre ad essere sovrani erano anche i capi dei sacerdoti. Nel Kemetismo, il Nisut non ha potere temporale, ma solo spirituale

La Casa di Netjer si espande velocemente grazie all’ausilio di Internet e, nel 2003, inaugura la sede ufficiale a Chicago.

Oltre la Casa di Netjer, esistono altre chiese kemetiche ortodosse ed eterodosse che spesso si differenziano tra loro per le posizioni politiche. Alcune di queste, infatti, presentano spinte africaniste

Le divinità

Il kemetismo è una religione enoteistica: vede la prevalenza di un solo dio su tutti gli altri.

Il Dio supremo è Neter, concepito come essere incomprensibile dall’uomo, vita stessa, creazione perpetua, non come dio personificato. Neter appare ai mortali attraverso i Neteru, tutti gli dei minori. I Neteru sarebbero perciò i vari aspetti di Neter: forze che generano la natura, presenti anche nell’uomo e negli animali, i quali devono aiutarlo a capire la verità. I Neteru sono le stesse divinità dell’antico Egitto.

Lo scopo del Kemetismo è quello di aiutare i fedeli a trovare la via per raggiungere Neter. Per raggiungere Neter, è necessario cercare in sé stessi, concentrandosi sul Neteru che più è vicino alla propria personalità.

Caratteristiche della religione

Di seguito saranno descritte per punti le caratteristiche essenziali del Kemetismo.

Clero e ricorrenze

  • I sacerdoti possono essere consacrati a una o più divinità.
  • Nisut è il sommo sacerdote.
  • Sabbat: vengono celebrati eventi celesti, come solstizio ed equinozio, e vengono visti simbolicamente.
  • Wep Ronpet: anno nuovo.
  • Altre feste: festa della valle, festa dell’amore e festa dei defunti.

Culto

  • Personale: si fa in solitudine pregando quotidianamente presso il proprio altare in casa; garantisce un approccio migliore alle divinità.
  • Collettivo: liturgie celebrate in un tempio da sacerdoti qualificati

Anima

È divisa in otto parti:

 

  • Khat – corpo fisico e mortale, luogo dove risiedono tutte le altre parti.
  • Ka – anima, conserva i ricordi e i sentimenti positivi.
  • Ba – parte divina dell’anima, è eterna e simile ai Neteru.
  •  Khabit – parte negativa dell’anima, opposto del Ka.
  •  Sahu – corpo spirituale in cui il Ba si reincarna nel mondo ultraterreno.
  •  Sekhem – non è una vera e propria parte, bensì l’unione delle energie di tutte le altre.
  •  Ib – cuore, simbolo dell’amore che spinge alla ricerca della verità.
  •  Ren – nome, ha valore spirituale, da identità alla persona e unifica anima e corpo.

Vita dopo la morte

Ci sono due correnti che vedono la morte in modo diverso:

 

  • C’è chi crede nella reincarnazione in un altro corpo.
  • C’è chi crede nella continuazione della vita dell’anima in un mondo ultraterreno.

Etica

 

  • Rispetto della natura e di ogni essere vivente.
  • Rispetto della legge di Maat, dea della giustizia, della verità e dell’equilibrio.
La dea Maat
La dea Maat

Ultimi due aggiornamenti: