Atlantide e Lemuria

Mu

Elena Petrovna Blavatsky
Elena Petrovna Blavatsky

Il primo studioso a ipotizzare la presenza di un continente scomparso fu lo zoologo inglese Philip Slater del XIX secolo.

Tutto nasceva da uno studio sugli animali: Slater non riusciva a spiegarsi come mai, in epoche passate, le prime scimmie (proscimmie), chiamate lemuri potessero essere contemporaneamente presenti in continenti diversi: ne esistevano tracce in India, Malesia e Africa. Così immaginò l'esistenza di un continente scomparso che avesse potuto avvicinare queste terre e fare da ponte sull'Oceano Indiano. Chiamò questo continente Lemuria in onore delle antiche proscimmie.

Nell'Ottocento, la famosa sensitiva russa Madame Blavatsky disse di aver appreso da una biblioteca segreta che Lemuria un tempo si trovava ne Pacifico e che lì viveva la terza delle sei razze che, a suo dire, avrebbero popolato la Terra nell'antichità. 

Fu James Churchward a dare il nome definitivo di Mu.

 

Atlantide

tlantide. Un nome per un grande mito. Il continente scomparso nel mare dopo un'improvvisa catastrofe. Ma forse non è solo una leggenda.

Alcune constatazioni sembrano dare ragione a coloro che credono nella realtà di Atlantide. Infatti,dei sondaggi effettuati nell'Oceano Atlantico hanno permesso di riportare in superficie dei frammenti di lava la cui struttura prova che essa si è cristallizzata all'aria. Pare dunque che i vulcani espulsori di questa lava si elevassero su delle terre emerse non ancora inghiottite dalle acque...

Il primo a raccontare di Atlantide fu Platone. 

Ecco le sue parole tratte dal "Crizia":

"...sono passati novemila anni da quando si racconta che sia avvenuta la guerra tra gli abitanti al di fuori delle Colonne d'Eracle e tutti quelli che stanno al di qua. Ora bisogna raccontarla. Alla guida degli uni c'era Atene, che sostenne tutta la guerra; alla guida degli altri c'erano i Re dell'isola di Atlantide che allora era più grande della Libia e dell'Asia (la Libia era il nome per l'Africa allora conosciuta, mentre per Asia si intendeva solo l'Asia Minore), mentre ora inabissatasi per i terremoti, fondale di fango insidioso per chi naviga da qui verso il mare aperto, costituisce un ostacolo che lo rende impraticabile".

 

Atlantide è descritta come una terra costituita di fertili praterie e di alte montagne che la difendevano dai venti freddi del Nord e popolata da animali domestici e selvatici (tra cui l'elefante); il sottosuolo era ricco  dei piu' pregiati metalli, tra  cui l'oricalco (che in realta' é unalega composta da rame e zinco), il materiale con cui erano fatte le sue mura. Vi abbondavano le sorgenti d'acqua calda e fredda, le cui acque affluivano poi in un grandioso bosco sacro per poi finire nei bacini del porto, dove sitrovavano  moltissime navi protette da una cinta di mura dalla parte del maree provenienti dai luoghi piu' lontani.Vi erano palazzi e torri e un Tempio al dio Poseidone.

 

Un video per approfondire:

Ultimi due aggiornamenti: